La diagnosi precoce: congiuntivite virale

occhi-rossi-586x439La cherato-congiuntivite da Adenovirus è la forma più comune di “occhio rosso” (il 50% circa dei casi che si presentano in un pronto soccorso oculistico). Una fase “infettiva” di irritazione congiuntivale (il bianco dell’occhio si colora di rosa con tante “capocchie” di spillo rosse), spesso accompagnata da febbriciattola, mal di gola e ingrossamento delle ghiandole linfatiche del collo, senza compromissione visiva (faringo-congiuntivite), precede di 7-10 giorni la fase “infiammatoria”, caratterizzata invece da calo visivo e fotofobia, e dai tipici infiltrati cellulari, molteplici opacità corneali sottoepiteliali rotondeggianti, con bordi sfumati, osservabili alla lampada a fessura .

A questo punto la diagnosi è chiara, ma tardiva: infatti troppo spesso non vengono riconosciuti i casi ad elevatissima contagiosità nella fase più pericolosa (quella iniziale, che dura circa 2 settimane) , provocando così epidemie tali da richiedere la chiusura per mesi di comunità tipo caserme, uffici od ospedali, scuole e asili.

Occorrerebbe pertanto fare ciò che viene quasi sempre omesso: fare la diagnosi precoce, oggi eseguibile in 10 minuti , con un semplice test che permette di isolare il virus e gestire quindi il paziente in modo da evitare il contagio delle persone ad esso vicine, consigliando una tempestiva terapia con antivirali e cortisonici per evitare gli esiti permanenti di compromissione visiva.

 AdenoPlus (Rapid Pathogen Screening) è un sistema che, grazie a piccoli prelievi sulla congiuntiva palpebrale rende la diagnosi rapida, semplice, sicura (sensibilità: 89%, specificità: 94%) e poco costosa, per tutti i sierotipi virali.

AdenoPlus 1000px JPG
L’utilizzo è semplice e rapido: si tratta di posizionare una piccola sonda ( una striscia bibula) nel fornice congiuntivale picchiettando contro la mucosa congiuntivale in modo da prelevare piccole cellule e lacrime in cui si presume si stia replicando il virus. 

Basta poi ricostituire il test nelle sue parti e attendere 10 minuti: a quel punto il test mostrerà la positività o la negatività all’adenovirus.

 

 

vedi anche: congiuntiviti, cherato-congiuntiviti virali