fluorangiografia retinica

E’ una metodica semeiologica che serve a studiare le alterazioni anatomiche della retina , attraverso la visualizzazione e la fotografia dei vari aspetti della fisiopatologia dell’emodinamica oculare, soprattutto retinica, e coroideale. Consiste nell’esaminare il fondo oculare e nell’eseguire, in rapida
successione , dei fotogrammi con un apparecchio (Retinografo), atto ad eseguire fotografie del fondo dell’occhio, dopo aver introdotto, per via endovenosa , un mezzo di contrasto, la fluoresceina , sostanza dotata della capacità di assorbire energia luminosa dando origine al fenomeno della fluorescenza.

rdp

La fluorangiografia (FAG) retinica, unitamente alla oftalmoscopia indiretta e la biomicroscopia con lampada a fessura, rappresenta una tecnica da lungo tempo utilizzata con successo nella diagnostica delle alterazioni coroideali, retiniche e del nervo ottico.In particolare la fluorangiografia retinica trova indicazione nello studio e nella diagnosi delle seguenti patologie:

• Malattie vascolari: ipertensione arteriosa,trombosi venosa ed occlusioni
arteriose , anomalie congenite del circolo , retinopatia diabetica.
• Patologie infiammatorie (uveiti )
• Degenerazioni maculari e retiniche in generale
• Edema maculare cistoide
• Corioretinopatia sierosa centrale
• Macroaneurismi retinici
• Patologie del nervo ottico
• Neoplasie

esempio di edema maculare diabetico: FAG e OCT

emd