FAQ – Glaucoma

Il glaucoma può essere ereditario?
Non sempre. È però più comune nei consanguinei
Il glaucoma è presente per tutta la vita?
La malattia glaucomatosa, una volta insorta, anche se curata, rimarrà per sempre
È possibile avere il glaucoma in un occhio solo?
Certo, anche se di solito entrambi gli occhi sono colpiti, con gravita diverse.
Il glaucoma è contagioso?
No.
Il glaucoma può provocare altre malattie oculari?
Di solito no, anche se altre patologie oculari possono essere concomitanti.
Il glaucoma può causare cecità?
Sì, se la progressione della malattia non viene fermata dalla terapia.
Gli occhiali possono aiutare a risolvere il disturbo visivo derivante dal glaucoma?
No, servono solo a vedere più nitidamente.
Si può continuare a portare le lenti a contatto con il glaucoma?
Certamente; in ogni caso è bene seguire i consigli dello specialista.
Chi è affetto da glaucoma può praticare sport ed esercizi yoga?
Sì, purché vengano evitati quelli che prevedono di mantenere per tempi prolungati posizioni
con la testa più in basso rispetto al torace
Chi soffere di glaucoma può bere alcolici e caffè?
Nei limiti del buon senso, anche se è sconsigliato bere qualunque bevanda, compresa
l’acqua, in quantità esagerate ed in tempi troppo ravvicinati.
In caso di gravidanza bisogna avvisare il medico di essere affetti da glaucoma?
Sì, è necessario avvertire l’oculista della gravidanza ed il ginecologo per quanto riguarda la
terapia in uso.
Chi soffre di glaucoma può guidare?
Sì, sempre che la funzione visiva raggiunga i livelli consentiti dalla legge.
La vista di chi è affetto da glaucoma può migliorare grazie alle cure?
No, scopo del trattamento è di prevenire un’ulteriore perdita delle funzioni visive.
Perché gli occhi di chi soffre di glaucoma, dopo la visita diventano giallastri?
Il colorante giallo viene usato durante il test con “luce blu”, per misurare la pressione
dell’occhio.
Cosa significa fare una curva della pressione oculare?
Significa misurare la pressione oculare, ripetutamente durante il giorno o la notte, per
scoprirne le variazioni.
I malati di glaucoma devono farsi visitare dal medico anche fuori dai controlli
prestabiliti?
No, a meno che non compaiano disturbi quali dolore, visione offuscata, aloni colorati intorno
alle luci, od altro
Quand’è consigliabile una visita oculistica preventiva?
È importante un controllo medico-oculistico, anche in assenza di disturbi, se si ha più di 40
anni e non e stata fatta, negli ultimi 5 anni, una visita oculistica. Altrimenti, ogni 3 anni fra i
40 ed i 60 anni ed ogni anno successivamente.
Cos’è la vescicola che si vede sollevando la palpebra dopo l’operazione per il
glaucoma?
È la congiuntiva sollevata dall’umore acqueo che filtra attraverso la valvolina che il chirurgo
ha inciso nella parete dell’occhio. Si chiama “bozza filtrante”, inizialmente può essere
fastidiosa anche se, di solito, solo temporaneamente.
È necessario alzarsi di notte per eseguire la terapia relativa al glaucoma?
Solitamente no; è preferibile organizzarsi gli orari in modo da poter riposare
tranquillamente.
Per quanto tempo si possono conservare i colliri prescritti per il glaucoma una
volta aperti, e dove?
Generalmente per un mese, preferibilmente in un posto fresco e lontano dalla luce. Se il
liquido cambiasse colore deve essere sostituito.
Cosa succede se ci si dimentica di mettere le gocce per il glaucoma?
Se passa troppo tempo fra un’istallazione e l’altra la pressione oculare aumenta, perciò è
meglio mantenere gli orari prestabiliti anche se, occasionalmente, è possibile una
variazione.
Chi soffre di glaucoma deve mettere le gocce anche prima di essere visitati?
Tranne che su specifica indicazione del medico, è bene che la terapia continui
normalmente.
Se due tipi di gocce per il glaucoma devono essere somministrate alla stessa ora
possono essere instillate insieme?
È necessario attendere qualche minuto fra il primo ed il secondo collirio.
Se chi segue una cura per il glaucoma non è sicuro di aver messo bene una
goccia di collirio c’è qualche pericolo a metterne una in più?
No, anche se è bene asciugarsi l’occhio subito dopo, in modo da evitare che il collirio in
eccesso si perda nel canale lacrimale.
È pericoloso mettere le gocce più frequentemente di quanto prescritto?
Non è pericoloso ma non influenza positivamente l’andamento della malattia, anche se è più
probabile che si verifichino degli effetti indesiderati.
Perché alcuni pazienti malati di glaucoma si curano sia con gocce che con
pastiglie?
In alcuni casi è necessario prendere entrambi i tipi di formaci per rafforzare la terapia.
È possibile usare altre medicine oltre a quelle per il glaucoma?
È molto importante riferire al medico di famiglia la diagnosi di glaucoma ed i farmaci in uso,
poichè ci possono essere delle interazioni. Sarà cura del medico di famiglia e dell’oculista
stabilire la terapia idonea.
Quanto tempo occorre perché le gocce per curare il glaucoma vengano
assorbite?
Pochi minuti, trascorsi i quali è possibile fare la doccia, il bagno o nuotare.